martedì 27 giugno 2017

TRAVERSATA A PIEDI DELLA SLOVENIA: 3° TAPPA Logatec – Vrhnika - Ljubljana 31,2 km 129 d+


Giovedì 18 maggio 2017

Sereno, sole a picco, ventilato.





Abbandonare Logatec significa percorrere in blanda discesa, una grossa strada di scorrimento (409) che porta alla città di Vrhnika. Dopo 2 km, decido di prendere una laterale, asfaltata, che sale brevemente in un bel bosco di conifere e, sorpassato il paesino di Zaplana, diventa sterrata perdendo quota dai quasi 500 slm ai 300 slm. Percorso ombreggiato nel bosco, di fianco ad un simpatico ruscello.



VERSO NAUPORTO - VHRNIKA 
Al km 8 entro in Vrhnika (Nauporto), cittadina romana con un piccolo centro storico medievale, antico porto sul fiume Ljubljanica. Pausa in pasticceria per decidere, carta Kompass alla mano, come continuare la tappa.


Essa si trova all'inizio della Ljubljanske Barje, le paludi di Ljubljana che sorgono alle porte della capitale.
Per evitare la strada principale ho 2 opzioni: dirigermi a sud, a Podgora e poi attraversare il deserto di campi e acquitrini verso Crna Vas, oppure costeggiare l'autostrada a poca distanza fino a Brezovica (km 21) e da lì proseguire sulla 409, attraversando l'interland della capitale. Il sole a picco delle 12 mi scoraggia nell'addentrarmi e opto per la seconda opzione.
LJUBLIANSKO BARJE - ALLE SPALLE VNANJE GORICE
I successivi 13 km sui polverosi e deserti sterrati privi di ombra del Barje, coltivato in tutti i modi, sono tanto suggestivi quanto duri, nonostante siano completamente piatti. A poca distanza sorgono i colli di Vnanje Gorice, come isole in mezzo ad un lago d'erba e grano


Solo a Brezovica trovo refrigerio nel Mercator e in un banchetto di frutta fresca a km 0.
1,5 litri di acqua Radenska finiscono in mezz'ora. Da lì fino al centro di Ljubliana (km 31), marciapiede ininterrotto, qualche rotonda e sottopasso. All'orizzonte, a nord sorgono i monti di Veliki Vrh, con le cime ancora innevate.


La tappa è corta ma non ci sono punti di sosta validi per i prossimi 40 km fino a Litija, per cui la sosta nella capitale diventa obbligata. Non è un dispiacere e ne approfitto per riposare un po' di più in vista delle prossime tappe che, dati alla mano sembrano essere le più impegnative.

LA LJUBLIANICA ATTRAVERSA IL CENTRO STORICO
Ljubljana è una capitale vivissima, popolata da studenti universitari. Bar, ristoranti e sistemazioni per tutte le tasche. Opto per un ostello in stile Jazz, appena fuori dal cuore nevralgico della movida. 15€ in camerata pulita e con servizi al piano. 17€ per cena tipica nel centro storico. Consigliatissima per un fine settimana.